TARI: chiariamo le cose...

La Tari è stata istituita con la legge di stabilità 2014 (legge n. 147 del 2013, commi da 641 a 668), essa disciplina l'applicazione della tassa sui rifiuti a copertura totale dei costi per la raccolta e lo smaltimento degli stessi.
Dal puntuale piano finanziario prodotto dalla nostra municipalizzata Multiservizi, abbiamo preso atto che a Copertino il costo totale per il servizio nel 2014 si stima in € 3.639.000, a fronte di 3.661.000 spesi nel 2013.
I numeri dicono che in poche settimane siamo riusciti (Amministrazione-Multiservizi-Cittadini), anche se di poco, ad abbassare di 23.000 Euro il costo globale da coprire con la tassa.
Grazie ai proventi della raccolta differenziata, ammontanti a 157.000 Euro, la nostra Città è riuscita a coprire l'aumento dei salari dei dipendenti della Multiservizi, nonchè l'innalzamento dei costi operativi di gestione dovuti all'aumento dell'Iva, senza dimenticare che siamo riusciti ad evitare l'ecotassa, un balzello stimato tra i 170.000 e i 200.000 Euro.
Numeri importanti che confermano l'indirizzo e l'impegno, preso da questa Amministrazione, orientato ad un abbattimento dei costi e ad un miglioramento del servizio, attraverso strategie che, si spera, ci daranno ragione nel tempo.
Il tributo Tari, completamente diverso dalla Tarsu, nasce sulla base del principio di “chi inquina paga”, per le utenze domestiche prende come punto di riferimento i metri quadrati dell'immobile e le persone che in esso vi abitano; per le attività non domestiche, invece, la tipologia del rifiuto prodotto. Per entrambe queste fasce la tariffa si compone di una parte fissa e una parte variabile, è bene sapere che solo in quest’ultima ci si può muovere attraverso dei coefficienti (minimi, medi e massimi) forniti dalla legge.
In merito alle utenze non domestiche, utilizzando i coefficienti più bassi a nostra disposizione, siamo riusciti ad attenuare l’aumento previsto dal legislatore proprio per la qualità e per i costi del rifiuto prodotto da queste attività: ortofrutta, pescheria, fiori e piante, pizza al taglio, ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie e pub. Il tributo rimarrà sostanzialmente invariato per parrucchieri, barbieri, estetisti, supermercati, macellerie, salumerie e formaggi e altri generi alimentari; mentre avranno forti riduzioni (tra il 30 e l'80%) tantissime categorie e attività come palestre, impianti sportivi, autosaloni, uffici, agenzie, studi professionali, negozi di abbigliamento, calzature, librerie, cartolerie, ferramenta, edicole, farmacie, tabaccai, negozi di tende e tessuti, falegnamerie, idraulici, fabbri, elettricisti, bar, pasticcerie, distributori di carburanti e altri.
Per quanto riguarda le utenze domestiche, con l'introduzione del quoziente del nucleo famigliare, oltre ai metri quadri, moltissime famiglie, esclusi i casi limite, pagheranno una tassa più bassa rispetto al 2013. Avranno invece dei lievi aumenti i nuclei famigliari con 5/6 persone, questi aumenti potranno comunque azzerarsi sfruttando le detrazioni proposte dall’Amministrazione.
Voglio portare un esempio prendendo come riferimento una casa di 150mq con 4 componenti:

Tarsu 2013
150mq x 2,60€ = 390€
Eca 10% = 39€
Addiz.Prov. 5% = 19,50€
Totale : 448,50€
A tale importo venivano aggiunti 0,30€ x 150mq come maggiorazione a favore dello Stato (altri 45€) per un totale di 493,50€

Tari 2014
Una delle novità di questa tassa è che dall'anno in corso non sarà dovuta la maggiorazione a favore dello Stato (0,30€ a metro quadrato).
Parte fissa
1,50€ x 150mq = 225€
Parte variabile 4 componenti = 196,60€
Addiz.Prov. 5% = 21,08€
Nel 2014 la Tari sarà di 442,68€, un tributo nettamente inferiore rispetto a quello pagato nel 2013. Inoltre se questa famiglia tipo, si dotasse di compostiera, potrebbe risparmiare altri 80€ (20€ a componente familiare fino ad un massimo di 100 €uro).

Per chi come noi amministra con coscienza non è mai facile decidere la quantificazione dell’imposizione fiscale, sappiamo però che ciò rientra nella responsabilità di governo a cui noi non vogliamo sottrarci. A mente di ciò possiamo affermare che le scelte sono state prese nella consapevolezza: di avere ottenuto il massimo alle condizioni date; di doverci impegnare ancora per far si che ad un miglioramento del servizio di raccolta e spazzamento possa seguire, da qui a qualche anno, una riduzione delle tasse; di dover vigilare attentamente affinchè ogni singolo euro che i cittadini di Copertino si troveranno a pagare come tasse, sia impiegato da questa amministrazione in maniera oculata, nell’esclusivo interesse della collettività.

Dott. Salvatore Nestola
Consigliere Comunale Alba Nuova

Devi effettuare il login per inviare commenti
Downloadhttp://bigtheme.net/joomla Joomla Templates